Analisi transazionale (A.T.)

 

L'Analisi Transazionale nasce dall'esperienza di Eric Berne il quale constatò che la gente muta atteggiamenti, punti di vista, voce vocabolario e altri aspetti del comportamento. In un determinato individuo, un certo tipo di comportamento  corrisponde ad un particolare stato psichico, mentre un altro è in rapporto con un atteggiamento psichico diverso, spesso incompatibile con il primo. Questi cambiamenti e differenze suggeriscono il concetto di "stati dell'Io".

Lo "Stato dell'Io" può essere definito fenomenologicamente come un sistema coerente di sentimenti, ed operativamente come un insieme di tipi di comportamento coerenti.

 

statiio2.jpg (49708 byte)

 

Vi sono tre Stati dell'Io:

stati che ricordano le figure genitoriali (Genitore)

stati rivolti alla valutazione obiettiva della realtà (Adulto)

stati che rappresentano delle reliquie arcaiche ancora fissati nella prima infanzia (Bambino)

 

La comunicazione è il frutto di stimoli transazionali ed altrettante risposte.

L’Analisi Transazionale utiliza quattro dimensioni analitiche correlate che consentono di comprendere la struttura e la dinamica del comportamento umano attraverso l’analisi:

Berne definisce il copione come un piano di vita strutturato nell’infanzia, rinforzato dai genitori, giustificato da una sequenza di eventi e culminante in una scelta alternativa.

La teoria del copione estende l’organizzazione del comportamento umano  nei vissuti del tempo e dello spazio.

Attraverso le suddette analisi il Counsellor può stimolare il cliente a prendere consapevolezza: